Davanti al portone

Non sono sempre stato una guardia giurata. A quarant’anni mi sono trovato ad indossare la divisa e il cinturone dopo l’ennesima crisi dell’edilizia che, come manovale, mi ha lasciato a casa senza lavoro. Essere una guardia giurata non è una gran soddisfazione, è persino un po’ noioso. Nessuno si ricorda di te, nessuno parla con te se non per chiederti a che ora apre la banca oppure se lo sportello bancomat è in funzione. Fai sempre le stesse azioni, apri la filiale alla mattina, la chiudi alla sera, passeggi davanti al portone squadrando tutti i passanti, senza guardare realmente nessuno. Dopo alcuni mesi, la ditta di security per cui lavoro mi ha mandato all’ufficio centrale dell’AMA, in via Capodafrica. A cosa serve una guardia giurata davanti a quello che è, in effetti, uno sportello pubblico? Evidentemente non conoscete l’AMA, l’azienda municipalizzata romana per la raccolta della nettezza urbana. Ogni giorno, da ogni parte della città, centinaia di utenti arrivano allo sportello per le loro pratiche, per richieste informazioni e soprattutto per i protesti. Se dalle parti del Colosseo vedete qualcuno con il capo chino e scuro in volto, vuol dire che sta andando a protestare con l’AMA. Come tutte le… Read More